Crea sito

Pasta al forno

Come da tradizione a ferragosto, qui da noi, non può mai mancare una parmigiana e una pasta al forno fatta come si deve! Purtroppo la parmigiana in famiglia viene preparata ancora nella versione tipica (non veg), ma quest’anno sono riuscita a mettere lo zampino sulla pasta e finalmente ho replicato un piatto che era già stato molto apprezzato da alcune mie colleghe, le quali avevano avuto il piacere di assaggiarlo in anteprima tempo fa.
Il segreto, secondo me, è tutto nelle lenticchie che ho cucinato seguendo, con qualche variante, la saporita ricetta di Alice  che vi riporto qui per comodità. Se poi avete anche un papà che vi aiuta friggendo le melanzane al posto vostro…. bè, il gioco è fatto!!! ;)

Ingredienti (per 10 porzioni):
3 melanzane
700 g pasta fresca
250 g lenticchie
500 g passata di pomodoro
1 carota
1 cipolla
vino rosso
olio e.v.o.
500 ml latte di soia
30 g farina 00
sale
pepe
noce moscata

Procedimento:
Potete preparare il ragù di lenticchie anche il giorno precedente: soffriggete con dell’olio e un pizzico di sale la carota e la cipolla tagliate fini, a fuoco basso. Quando saranno ammorbidite, aggiungete le lenticchie e lasciatele insaporire qualche minuto, sfumate con mezzo bicchiere di vino, lasciatelo evaporare e quindi unite la passata di pomodoro e 600 g di acqua bollente. Non avendo io utilizzato una cocotte come suggerisce Alice, ho notato che la cottura in pentola in acciaio richiede più acqua e meno tempo da quanto lei indicato, quindi se usate una pentola normale cuocete le lenticchie per un’ora e, se necessario, dopo mezz’ora, aggiungere altra acqua bollente. Salate solo a fine cottura.
Preparate un po’ di besciamella cercando di mantenerla piuttosto liquida e per far questo riscaldate solo 30 g di olio con 30 g di farina, ma aggiungete mezzo litro di latte. Unite infine sale, pepe e noce moscata a vostro piacere. Altrimenti fate come me: preparate una besciamella secondo dosi precise (30g olio, 30g farina, 300ml latte) ed eventualmente aggiungete dopo altro latte a freddo fino ad ottenere la consistenza desiderata.
Tagliate per lungo le melanzane (con o senza buccia, secondo i vostri gusti), impanate solo con della farina, in modo che assorbano meno olio, e friggetele. La prima volta che feci questa pasta non conoscevo ancora questo trucco, infatti mi venne più saporita ma anche più pesante, probabilmente a causa di tutto l’olio rilasciato dalle melanzane fritte.
Infine cuocete la pasta, toglietela dal fuoco un minuto prima della cottura indicata sulla confezione e scolatela conservando un po’ dell’acqua di cottura. Unitela alla besciamella e alle lenticchie e mescolate, eventualmente aiutandovi con l’acqua di cottura che avevate conservato se dovesse sembrarvi troppo secca (considerate che poi andrà in forno e si seccherà ulteriormente).
In una teglia alternate uno strato di melanzane (salate lo strato) e uno di pasta, fino a esaurimento. Oppure potete fare delle monoporzioni molto carine, come queste che vi presento in foto, avendo cura di passare un velo di margarina in ogni coppetta, così vi risulterà più facile estrarre la pasta e posizionarla sul piatto da portata.

Se qualcuno si fosse chiesto che fine avessi fatto…. sono in vacanza!!! Per fortuna posso dirlo, anche se io non mi sento mai in vacanza… sempre con l’ansia di dover tornare sui libri e lontana da Lecce. In particolare quest’anno che ho solo un mese libero sto cercando di concentrare in pochi giorni tutto quello che avrei voluto fare per un inverno intero e la fantasia la indirizzo lontano dai fornelli…. libri, cernit, uncinetto e un vestito da ideare per il matrimonio di mio fratello…. il tempo non basta mai!!!! Però, quando c’è l’occasione, mi fa sempre piacere condividere con voi le mie piccole conquiste a tavola :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Tags: , , ,

2 Commenti a “Pasta al forno”

  1. 16 agosto 2013 at 08:36 #

    Goditi questi momenti e fai si che ti restino nel cuore per quando ti mancheranno! Bellissima ricetta e un abbraccio immenso… complimenti, cara! Una versione stupenda.

  2. 16 agosto 2013 at 19:56 #

    Ciao Laura, in abbinamento a questo piatto così invitante proporrei un Frappato della zona di Vittoria, un vino rosso dai profumi fruttati e lievemente speziati, che intensi ma vellutati accarezzano il naso e invitano alla beva.
    Oltre al blog, ho anch’io una pagina fb, se ti va, passa a trovarmi: https://www.facebook.com/Enoitaca

Lascia un commento

*

Powered by AlterVista